Rugby Umbria, a Terni si è svolto il primo Festival regionale under 16 e 18

Oggi il primo Festival regionale a livello nazionale interno alle regioni con le categorie under 16 e under 18 (nati 2001 e 2002)

Rugby Umbria, a Terni si è svolto il primo Festival regionale under 16 e 18

TERNI – Le selezioni giovanili umbre sono tornate in campo. Venerdì 17 novembre e sabato 18 novembre la categoria under 14 si era confrontata a Prato con le rappresentanze del Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Lazio. Domenica 26 novembre, invece, presso l’impianto sportivo di Terni si è tenuto il primo Festival regionale a livello nazionale interno alle regioni con le categorie under 16 e under 18 (nati 2001 e 2002). L’obiettivo di questa iniziativa è quello di creare una squadra regionale che dal prossimo febbraio sarà impegnata a livello nazionale nel trofeo regioni che, da quest’anno, prenderà il posto del campionato tra i Centri di formazione under 16.

“Dopo questo primo appuntamento, che ci da alcune indicazioni sulle priorità da lavorare, – afferma il tecnico federale del Comitato umbro, Fabrizio Fastellini – andremo a svolgere allenamenti regionali per preparare le competizioni che ci aspettano nella seconda parte della stagione. Ringrazio i tecnici impieganti del comitato, i tecnici dei club che ci hanno dato una mano in campo e che hanno seguito i giocatori, gli arbitri, il Terni Rugby che ci ha ospitato ed anche tutti gli atleti che hanno partecipato alla prima attività con le maglie della nostra regione”.

“Con i ragazzi abbiamo fatto un lavoro prettamente di volume – spiega il tecnico Alessandro Speziali – per cercare di abbiturarli al ragionamento sotto sforzo, per insegnargli a segliere la soluzione migliore in un determinato momento della partita ed in particolari condizioni della difesa. E’ un lavoro che dovrà essere continuativo ma i ragazzi hanno risposto abbastanza bene, mettendo in evidenza delle buone qualità, sia individuali sia di gruppo. La strada è lunga per una regione come la nostra ma il percorso intrapreso è quello giusto, ci darà molte soddisfazioni. Voglio ringraziare tutti i ragazzi che hanno preso parte al raduno mettendo a disposizione il loro tempo e competenza e di questo li ringraziamo”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*