Volley: Job Italia Città di Castello non sfigura contro la capolista


Scrivi in redazione

Volley: Job Italia Città di Castello non sfigura contro la capolista

Volley: Job Italia Città di Castello non sfigura contro la capolista

Job Italia Città di Castello: Mattei, Fuganti Pedoni 23, Cipriani 9, Valenti 11, Raffanti 2, Zangarelli 7, Marra (L1), Cherubini 1, Cioffi, Briganti. A disp.: Rovere. All. Bartolini.

Ermgroup San Giustino: Sitti 2, Puliti 16, Conti 20, Agostini 16, Miscione 7, Cesaroni 6, Di Renzo (L1), Santi, Piazzi, Celli. A disp.: Thiaw, Giunti. All. Moretti. Arbitri: Marco De Orchi di Frosinone e Andrea Di Tullio di Roma

Note: Città di Castello (b.v. 3, b.s. 14, muri 5, errori 8), Sangiustino (b.v. 4, b.s. 13, muri 5, errori 7)

E’ chiaro che la partita della formazione di Città di Castello ha risentito delle difficoltà della Job Italia delle ultime settimane, difficoltà dovute alle tante assenze per Covid-19 che hanno costretto coach Marco Bartolini a mettere in campo una formazione con dei giocatori che avevano nelle gambe pochi allenamenti. Oltre ad aver venduto comunque cara la pelle, di buono c’è il ritorno in campo di Davide Marra, schierato nel ruolo di libero ed autore di una prestazione monstre in seconda linea con alcune difese e coperture da fantascienza, l’aver strappato un set alla capolista, unica squadra che ci è riuscita fino a questo momento della stagione, e l’ottima gara di Fuganti Pedoni, best scorer del match con 23 punti. Lo starting six biancorosso vede Mattei in regia con Fuganti Pedoni opposto, Cipriani e Valenti in posto 4, al centro Zangarelli e Raffanti e Marra libero.

Il primo set vede subito avanti la formazione ospite che ha in campo tutti i titolari: i tifernati cercano di reggere l’urto di Conti e compagni che si aggiudicano la frazione per 17-25.

Due belle difese che costringono Sangiustino a forzare portano avanti la Job Italia nel 2 set, prima 4-2 che poi diventa 7-3 con Cipriani sugli scudi. I ragazzi di coach Marco Bartolini mantengono i due punti di vantaggio (11-9) e scattano ancora mostrando di non avere alcun timore reverenziale, come aveva chiesto proprio l’allenatore (14-9). Un primo recupero dei biancoblu costringe la panchina biancorossa a fermare il gioco (14-11) poi il muro di Fuganti Pedoni ricaccia a -4 gli ospiti (20-16). Il finale è di marca tifernate, il pareggio si concretizza sul 25-21.

Ma nella terza frazione gli ospiti biancoblu tornano avanti subito (6-8): Città di Castello non ci sta e rimonta, portandosi a condurre 16-15. Poi il parziale di 3-10 concede all’Ermgroup di portarsi sull’1-2 (19-25). Nel quarto set c’è ancora l’allungo della Ermgroup fin dalle prime battute (6-8): a metà set Marco Bartolini tenta di fermare l’avanzata ospite (13-16 time out) ma la squadra sangiustinese non si scompone e va a vincere per 1-3 (16-25).

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*