Perugia ‘capitale’ italiana del Minirugby con l’11^ torneo “Città di Perugia”

Attese oltre duemila persone per l’evento organizzato dal Rugby Perugia Junior che vedrà protagonisti i giovani dai 5 ai 14 anni

Perugia ‘capitale’ italiana del Minirugby con l’11^ torneo "Città di Perugia"

Perugia ‘capitale’ italiana del Minirugby con l’11^ torneo “Città di Perugia”

Perugia capitale del Minirugby. Domenica 19 maggio il capoluogo umbro sarà teatro del torneo nazionale di Minirugby che vedrà partecipare più di duemila persone tra atleti, tecnici, dirigenti e famiglie. L’evento organizzato dal Rugby Perugia Junior, giunto all’undicesima edizione, sarà l’occasione anche per celebrare il cinquantennale dalla nascita del rugby perugino (1969-2019), con il ‘Città di Perugia’ che ha avuto origine nell’anno del quarantennale (2009) e che negli anni è diventato un appuntamento fisso ed imperdibile per i giovani appassionati.

La manifestazione è stata presentata martedì 14 maggio presso l’Oratorio della Confraternita dell’Annunziata, in Piazza Mariotti a Perugia, alla presenza del Presidente del Rugby Perugia, Federico Baldinelli, del Consigliere comunale con delega allo Sport, Clara Pastorelli, dell’Assessore alla Cultura e al Turismo, Teresa Severini e del Presidente della Federazione Italia Rugby Comitato Umbro, Egiziano Polenzani.

Tante novità quest’anno, la prima delle quali è data dal numero delle squadre e delle società partecipanti che infrangeranno di sicuro il record di presenze del 2017. Sono 141 le squadre iscritte nelle varie categorie dall’Under 6 all’Under 14, con 35 club da ogni parte d’Italia e con un incremento del 35% rispetto alla scorsa edizione. Altra novità sarà la prima volta assoluta di Club straniero al Torneo di Perugia con la nutrita partecipazione dei ragazzi dello Slavia Praga (Repubblica Ceca); da registrare anche il ritorno di Club dal blasone storico nel Minirugby nazionale e l’esordio di società nuove mai ospitate al “Città di Perugia”. La presenza di Gispi Prato, Capitolina, Lazio, Primavera, L’Aquila, Benevento, come quella di Recco, Pompei, Livorno, Valpolicella, Dosson, Nuovo Salario, Fiumicino e dei tanti altri Club iscritti, faranno della manifestazione un grande appuntamento anche dal punto di vista del livello tecnico, forse mai alto come quest’anno. Significativa la presenza del Rugby Segni, anch’esso alle prese con i festeggiamenti dei 50 anni, che ricambierà la visita dei giovani biancorossi al Torneo di marzo nella cittadina laziale. Piccole modifiche anche in fatto di location: non si giocherà quest’anno né allo Stadio né all’Antistadio “Curi”, per il resto conferme per tutte le aree verdi e gli impianti di Pian di Massiano con l’aggiunta dello Stadio “Santa Giuliana” e del Campo Sportivo di Ellera, per un totale di 18 campi da gioco.

Non una location a caso, perché esiste una stretta relazione tra sport e cultura, con il Rugby Perugia Junior che da tempo sta collaborando in maniera proficua con i Rioni cittadini e in particolare con quello di Porta Eburnea, che chiaramente ha fatto gli onori di casa. Il Vice Presidente Armando Flores, nel discorso introduttivo, ha ricordato le tante iniziative che hanno visto protagonisti i giovani rugbisti e la stessa associazione, con l’obiettivo di promuovere lo sport sano e le tradizioni cittadine.

Ringrazio l’associazione e il Consiglio dei Savi del Rione Porta Eburnea – ha dichiarato Federico Baldinelli Presidente del Rugby Perugia Junior – per l’ospitalità e la vicinanza. Quella di domenica per noi è la manifestazione clou della stagione, che vedrà arrivare in città tanti giovani atleti di diverse società e da diversi luoghi d’Italia. Quest’anno avremo anche la presenza di una squadra straniera. Speriamo che il tempo sarà dalla nostra parte, per consentire a tutti di trascorrere una giornata all’insegna dello sport e del divertimento. Ci teniamo a celebrare anche il cinquantennale dalla nascita del rugby a Perugia e a ricordare che questo torneo è nato nel 2009 quando si festeggiava il quarantennale”.

Soddisfazione e apprezzamento per l’iniziativa sono stati espressi dalle istituzioni cittadine, con l’Assessore Teresa Severini che ha approfittato per sottolineare quanto sia importante per abbinare lo sport, al turismo e alle tradizioni. Il Consigliere con delega allo Sport, Clara Pastorelli, ha messo in evidenza l’importante lavoro che da anni sta svolgendo il Rugby Perugia Junior.

E’ un punto di riferimento per la nostra città. Una società seria, organizzata, che utilizza con cura un’area importante qual è quella di Pian di Massiano. Ho avuto modo di apprezzare questi ragazzi in un recente manifestazione al ‘Santa Giuliana’ e sono convinta che domenica parleremo di un altro successo organizzativo e sportivo”.

Un’esibizione dei ‘Tamburini’ del Magnifico Rione di Porta Eburnea, accompagnati dalla responsabile Valentina Vignoli, ha introdotto il discorso di un emozionato Egiziano Polenzani, oggi Presidente della Fir regionale e considerato il padre fondatore del rugby perugino. Spazio anche ai saluti di Federico Cenci, fratello del compianto Leonardo che con Avanti Tutta ha spesso partecipato al ‘Città di Perugia’ e portato la sua carica di entusiasmo e voglia di vivere.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*