La ternana Luigia Baggetta accende i fari sul bodybuilding

Ennesimo successo nel Bikini Over 35 per l'atleta rossoverde

La ternana Luigia Baggetta accende i fari sul bodybuilding. Ennesimo successo nel Bikini Over 35 per l'atleta rossoverde.
La ternana Luigia Baggetta accende i fari sul bodybuilding. Ennesimo successo nel Bikini Over 35 per l'atleta rossoverde.

La ternana Luigia Baggetta accende i fari sul bodybuilding  – TERNI C’è una ternana che da anni si sta facendo spazio a suon di vittorie nel mondo del bodybuilding. Si tratta di Luigia Baggetta fresca del doppio successo ottenuto a Mister e Miss Italia 2017 andato in scena a Tuscania lo scorso 25 giugno.

La Baggetta si è imposta prima nella propria gara, il Bikini Over 35 alla quale hanno partecipato atlete provenienti da tutte le federazioni poi, si è imposta anche nell’Assoluto ovvero nella prova che ha visto salire sul palco le vincitrici delle tre categorie: Bikini Over 35, Bikini under 1,63 cm e Bikini over 1,63 cm. Fino ad ora la stagione è stata particolarmente proficua per Luigia Baggetta.

Oltre al primo posto ottenuto a Tuscania, l’atleta ternana, ha trionfato anche nella tappa di Pescara. Inoltre ha collezionato tre secondi posti tra cui uno nella gara di Fiumicino quando ha gareggiato nella federazione Opes e un terzo in uno dei tanti appuntamenti che si svolgono nella Capitale.

“Adesso è arrivato il momento del meritato riposo – sorride Luigia Baggetta – anche se sono indecisa se partecipare ad una gara in programma a metà luglio. Di sicuro riprenderò a gareggiare in autunno quando ci saranno Mister Apollo a Bari e successivamente la selezione per Mister Universo a Sessa Aurunca in provincia di Caserta”.

Il fisico come scultura, il fisico come tempio da venerare notte e giorno…

“Mi alleno quattro volte a settimana durante l’anno mentre, quando sono in procinto di gareggiare arrivo a sei allenamenti settimanali tutti di almeno 3 ore. Mi piace allenarmi, avere un fisico tonico e ben strutturato ma questo comporta dei sacrifici come quelli a tavola. L’alimentazione è molto importante”.

Però spesso in questi ambienti si parla di doping…

“Sono natural, ovvero non utilizzo alcun tipo di aiuto. Sono quello che mangio e come mi alleno. E’ una scelta che comporta dei sacrifici e delle privazioni ma va bene così. Ci sono però anche atleti che usano prodotti per migliorare le proprie performance. Diciamo la gran parte, soprattutto in ambito femminile dove troppo spesso si vede uno sviluppo muscolare davvero accentuato per una donna”.

Com’è nata questa passione?

“Per scommessa. Ero a lavoro e parlando con un cliente gli ho detto che mi sarebbe piaciuto mettermi in gioco. Lui, essendo un preparatore, mi ha detto che se lo avessi seguito ci sarei riuscita. Ero diffidente anche perché era da poco tempo che avevo iniziato ad allenarmi. Invece con il sacrificio e un buon lavoro in palestra sono arrivati i primi risultati. Ora gareggio per il gusto di mettermi in gioco, perché ogni volta che salgo sul palco mi confronto con le altre atlete ma in primis con me stessa. Non lo faccio per i premi. Si vincono coppe, medaglie. Si può ottenere qualche fornitura ma alla fine sono più alte le spese che sosteniamo per gareggiare che il valore dei premi che vinciamo”.

Consiglieresti questo sport ai giovani, ragazze comprese?

“Certo. Da sempre sostengo che lo sport faccia bene e che tutti debbano praticarlo. Non importa quale, non è importante l’età. L’attività fisica fa stare bene. Per quanto riguarda il bodybuilding non vedo controindicazioni. Invito tutti a provare. Certo bisogna avere pazienza perché i risultati, soprattutto sul proprio corpo ci mettono un po’ ad arrivare ma poi la gioia è grande. Almeno così è stato per me”.

Il sogno nel cassetto?

“Ottenere risultati di prestigio nella Federazione più importante, la IFBB. Inoltre mi piacerebbe essere la Miss Bikini Over più importante in Italia”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*