Ternana ko a La Spezia e domenica arriva il Perugia

Per la Ternana seconda sconfitta nel girone di ritorno

Il derby Ternana-Perugia allo stadio Liberati finisce 1-1
Foto Ternana Calcio (Stefano Principi)

Ternana ko a La Spezia e domenica arriva il Perugia TERNI – Passo indietro della Ternana che esce sconfitta dal confronto con lo Spezia. Al “Picco” i rossoverdi soffrono per tutta la partita dando un segnale chiaro: la strada per la salvezza è ancora in salita. In terra ligure Gautieri conferma il 4-3-3 e affida la corsia di sinistra all’ultimo arrivato Rossi, con Di Noia mezzala e Avenatti fulcro del tridente. Dall’altra parte Di Carlo gioca a specchio e come il suo collega, fa esordire Fabbrini (appena rientrato dall’Inghilterra) nel tridente composto da Granoche e Mastinu.

Primo tempo tutto di marca spezzina. Mastinu sulla corsia di destra manda in tilt spesso la coppia Di Noia-Rossi. La prima palla gol per i padroni di casa arriva da un errore di Zanon che nel tentativo di spazzare l’area di rigore lascia la palla a due passi dalla porta ma la coppia Meccariello-Valjent fa buona guardia. La Ternana gira a vuoto e lo Spezia ne approfitta passando in vantaggio al 18’. Lo schema su calcio di punizione funziona alla perfezione. Mastinu fa la torre per Djokivic che segna di testa il suo primo gol con la maglia dello Spezia.

Ternana in bambola tanto che al 21’ rischia di subire il raddoppio. Mastinu, sempre da palla inattiva, colpisce la traversa poi è bravo Meccariello a spazzare sulla linea di porta. I rossoverdi non ci sono in campo, Gautieri se ne accorge e li striglia nell’intervallo.

Nella ripresa la musica cambia. Lo Spezia però è già in vantaggio e può gestire il match. Gautieri toglie Di Noia e mette Petriccione per avere più gioco a centrocampo. Di Carlo invece si gode Fabbrini che al 24’ decide di fare tutto da solo. Controllo e tiro dal limite. Valjent ci mette il gomito e così l’arbitro Di Martino concede il rigore. Dagli undici metri Granoche non sbaglia e porta lo Spezia sul 2-0. Guatieri cambia ancora. Fuori Pettinari e Avenatti, dentro Palombi e Acquafresca all’esordio. Ed è proprio l’ex Bologna ad avere la palla gol più nitida. Bello il colpo di testa sul cross di Petriccione, ancora più spettacolare la parata di Chichizola. Nel finale ancora un portiere protagonista. Questa volta è Aresti che para il rigore di Piccolo concesso per un fallo commesso da Petriccione.

Per la Ternana seconda sconfitta nel girone di ritorno, prima della gestione Gautieri che domenica vivrà il suo primo derby d’allenatore delle Fere.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*