Volley, la Sia Coperture San Giustino perde anche l’Ultimo Derby

1-3 in casa della Limmi School Volley Bastia

Volley, la Sia Coperture San Giustino perde anche l’Ultimo Derby

Volley, la Sia Coperture San Giustino perde anche l’Ultimo Derby 
PERUGIA – La Sia Coperture San Giustino non riesce a sfatare il “tabù” stagionale dei derby regionali (tutti persi) nemmeno nell’ultimo tentativo utile. Al “San Marco” di Perugia, la Limmi School Volley Bastia si impone per 3-1 nella classica partita di fine stagione fra due squadre oramai salve e quindi ininfluente ai fini della classifica, se non per permettere alle padrone di casa di operare il sorpasso proprio nei confronti delle biancazzurre, ora scese al decimo posto. Per Spicocchi e compagne, questa gara è stata un po’ la metafora dell’intero campionato: sforzi per effettuare rimonte che vengono vanificati da improvvisi black-out e strisce negative che influiscono sul risultato.

Andamento a strappi, per dirla in altre parole. I due coach, Sperandio e Camiolo, hanno fatto ruotare quasi tutte le atlete a disposizione, concedendo spazio a coloro che avevano finora giocato di meno. Ricezione e difesa sono state le due “voci” chiave in favore di Bastia, dotata in più frangenti di una maggiore grinta nel gettarsi su palloni poi capitalizzati in punti decisivi. Cristina Cruciani è stata la regina dell’attacco con 25 punti, seguita dalla sempre pungente Silvia Tosti con 17 e da una Beatrice Meniconi (14) che ha fatto il suo in posto 2. Sul versante sangiustinese, 19 punti per Gloria Lisandri, 13 per Camilla Cornelli, 12 per Martina Spicocchi e doppia cifra (10) anche per una Giulia Bartolini a tratti trascinatrice della squadra.

Senza Valentina Barbolini, rimasta in panca a causa dei fastidi al tallone, sono state Giulia Bartolini e Camilla Cornelli le titolari in posto 4 per la Sia Coperture, mentre l’esperimento di Giada Marinangeli libero nei primi due set ha fatto capire come in questo ruolo la 20enne giocatrice potrà comunque calarsi con il tempo. Confermate in partenza le altre: Francesca Lavorenti in regia, Gloria Lisandri opposto e Martina Spicocchi e Francesca Rosa al centro. La Limmi tiene inizialmente a riposo la palleggiatrice Lucia Marcacci a beneficio di Margherita Gallina, con Beatrice Meniconi opposto, Cristina Cruciani e Lucrezia Ceccarelli al centro, Silvia Tosti e Alessia Castellucci a lato, più Federica Pici libero. Equilibrio sul punto a punto in avvio, fino all’ace della Cruciani che segna il primo break e quello della Gallina che porta Bastia sul 10-6. La Lisandri scalda la mano e la risposta della Sia Coperture è immediata: 7-0 di parziale sul turno in battuta (comprensivo di ace) della Lavorenti, completato dall’attacco vincente della Rosa. Il time-out schiarisce le idee alla Limmi School Volley, che neutralizza lo svantaggio grazie alle prodezze della Castellucci e arriva a ribaltare la situazione (19-14) facendo leva in primis sulle pecche in ricezione delle avversarie, che provano a reagire con gli attacchi della Lisandri e della Cornelli, sostituita nel finale dalla Krasteva. Il punto del 25-19 è firmato da Silvia Tosti.

La seconda frazione vede Manuela Sorrentino al centro in luogo di Francesca Rosa per la Sia Coperture. Nessuna novità sul fronte locale e fin da subito la contesa va avanti a scatti e controscatti: 5-1 per Bastia, ma l’efficacia del muro e i colpi della Lisandri rimettono in parità la situazione. L’ace a nastro della Meniconi, un punto di precisione in controtempo della Cruciani, una schiacciata sulla rete della Cornelli e una invasione della Lavorenti favoriscono il nuovo allungo della School Volley, che grazie alla Cruciani risale fino all’11-5. Il recupero di San Giustino passa per le mani della Cornelli: è tuttavia un fuoco di paglia, perché le ragazze di Sperandio fanno buona guardia in difesa e scavano un ampio margine di +6 (15-9), subito ridotto a 2 dalle repliche della Bartolini e della Spicocchi, che costringono Bastia a un altro time-out. Botta e risposta da una parte e dall’altra fino a quando il diagonale a segno della Lisandri sembra riaprire del tutto i giochi sul 18-17. Saranno però un muro subito e una conclusione fuori bersaglio della stessa Lisandri a spianare la strada alla School Volley, che con l’ace della Ceccarelli arriva sul 22-17; a raggiungere il traguardo del 2-0, sul 25-20, provvedono la Meniconi e due sigilli della Tosti.

Sorrentino ancora in campo e Cosetti libero nel terzo set per la Sia Coperture: dall’altra parte, nessun cambio. Le premesse sono stavolta quelle buone per le sangiustinesi e sono i tre punti consecutivi di Giulia Bartolini a promuovere il tentativo di fuga sull’8-5, non fosse per i due ace di fila della Cruciani su palle corte e angolate. San Giustino non si scompone e torna avanti con il muro e la schiacciata della Lisandri, poi prende il via sul primo tempo vincente della Sorrentino, che completerà il suo turno in battuta con l’ace del 18-11. Entra la Marcacci nelle file di Bastia, che approfitta delle debolezze in ricezione della Sia Coperture e dimezza il ritardo (14-18), ma non ha fatto i conti con capitan Spicocchi, che con le sue fast pone la squadra in una botte di ferro; il 23-16 dice comunque che non è ancora finita: la Cruciani è sempre in agguato e la decisione del primo arbitro, che vede un tocco su un pallone terminato fuori, congela per un attimo una Sia Coperture prossima al traguardo. Anche dopo il 24-21 determinato dalla Spicocchi c’è apprensione per l’attacco a rete della Lisandri e sul 24-23 ci vuole un muro vincente della Lavorenti per prendersi il set di stretta misura e accorciare le distanze.

Nella quarta frazione, Sperandio tiene in regia la Marcacci e schiera Francesca Valentini in posto 4: Camiolo, invece, non cambia il suo 6+1. Sono la Cruciani prima e la scatenata Valentini poi a rompere l’equilibrio dal 7-5 al 12-5, costringendo San Giustino al time-out discrezionale; la Lisandri al momento non passa e anche la Bartolini vive una parentesi di appannamento, con la Krasteva che la avvicenda, anche se il trend non si inverte: la Ceccarelli arricchisce il suo score con un altro ace, poi la solita Cruciani e un errore di impostazione della Lavorenti scavano un’autentica fossa, portando Bastia sul 18-9. A questo punto – curiosità statistica – la Krasteva (per la prima volta non impiegata come libero) realizza due punti da schiacciatrice e San Giustino riguadagna terreno, anche se il gap da colmare è troppo vistoso e la School Volley è a un passo dalla vittoria: la Cornelli e la Lisandri tornano a far male fino al 24-22, momento nel quale la fast della Cruciani pronuncia la parola “fine”.

L’analisi a fine gara di Pietro Camiolo è serena: “Bastia ha meritato la vittoria e per garantirsela ha fatto leva al momento giusto sulle sue pedine più esperte – ha commentato il tecnico della Sia Coperture – ma io sono contento per l’atteggiamento con il quale le ragazze hanno affrontato la partita. Abbiamo pagato le incertezze in ricezione e su questo debbo dare atto alle avversarie di essere state brave nelle scelte in battuta; abbiamo commesso errori in contrattacco e sempre nella stessa fase non siamo stati capaci di concretizzare al meglio. Era comunque giusto far giocare tutte le atlete, che hanno dato il cuore in una partita non condizionata dal raggiungimento del risultato per esigenze di classifica”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*