Volley, Sia Coperture San Giustino esce sconfitta (0-3) da Montale Rangone

Emilbronzo 2000 Montale Rangone – Sia Coperture San Giustino 3-0 (26-24, 25-19, 26-24)

Volley, Sia Coperture San Giustino esce sconfitta (0-3) da Montale Rangone

Volley, Sia Coperture San Giustino esce sconfitta (0-3) da Montale Rangone MONTALE RANGONE – Passo indietro della Sia Coperture San Giustino, nella quarta giornata di ritorno del campionato di Serie B1, sul campo di Montale Rangone contro una Emilbronzo 2000 più compatta, che ha disputato la sua “regolare” partita, facendo leva sull’esperienza della quasi 38enne Diana Marc, sull’efficacia dell’altra laterale Chiara Ferretti, sulla superiorità a muro della centrale Elena Fronza e, di tanto in tanto, anche su qualche colpo dell’opposto Alessia Del Romano. Differenza piuttosto marcata anche sui contrattacchi. È finita 3-0 in favore delle modenesi, anche se nel primo e nel terzo set le biancazzurre (battute ai vantaggi) hanno avuto la possibilità di chiudere in loro favore, ma rimane pur sempre il dato di fatto costituito da una prestazione alquanto lontana da quelle messe in mostra al PalaVolley contro Olimpia Ravenna e Coveme San Lazzaro: una battuta scarsamente pungente, una guardia meno attenta in difesa (preso qualche pallonetto di troppo), una superiorità a muro delle locali e un attacco nel quale la sola Valentina Barbolini, con i suoi 14 punti, è riuscita ad alzare la voce.

Marcello Mescoli, tecnico della Emilbronzo 2000, affida la regia a Federica Saccani, con Alessia Del Romano opposto; al centro, confermate Elena Fronza e Giovanna Mendola, così come alla banda Diana Marc e Chiara Ferretti, con Valentina Balzani libero. Il 6+1 iniziale di San Giustino è quello delle ultime due gare: Francesca Lavorenti palleggiatrice, Gloria Lisandri opposto, Martina Spicocchi e Francesca Rosa al centro, Valentina Barbolini e Camilla Cornelli a lato ed Elitza Krasteva libero. L’inizio della Sia Coperture e anche della Lisandri sembrano promettenti: 4-1 subito, anche se Montale acciuffa il pari sul 5-5 per poi passare sul 9-7 e allora risponde la Barbolini. La Marc, la Ferretti e la Del Romano approfittano di una ricezione non buona (e di un paio di errori in battuta) sul versante sangiustinese per firmare l’allungo delle padrone di casa, che arriva al massimo vantaggio di +7 (22-15), momento nel quale il tecnico Pietro Camiolo inserisce Aurora Cosetti in battuta. Sul turno al servizio della giovane romana la Sia Coperture costruisce la propria rimonta, costringendo coach Mescoli a chiedere due time-out e a inserire Giulia Castellani Tarabini in regia e la schiacciatrice Margherita Mascherini. La Cosetti sbaglia il servizio sul 21-22, ma non è finita: è la Barbolini a perfezionare l’operazione di recupero con la prodezza del 23-23 e il muro della Lisandri sulla Mascherini prolunga l’esito del set. La Mascherini si riscatta con il punto numero 25 e la Saccani completa con l’ace del 26-24.

Formazioni invariate al via della seconda frazione, che vede Montale partire con il piede giusto. La Cornelli non è nella sua giornata migliore e, dopo una schiacciata sulla rete, Camiolo la richiama in panca dando spazio a Giulia Bartolini. Le pecche in battuta e in ricezione favoriscono l’8-4 della Emilbronzo 2000 al primo time-out tecnico, prima che la Lisandri si ridesti con un paio di colpi andati a segno, anche se Montale non molla e si riprende le 5 lunghezze di vantaggio grazie a un muro vincente sulla Barbolini, a un ace della Fronza e a un “mani fuori” della Ferretti, che porta la situazione sul 20-15. La Sia Coperture riduce il gap senza colmarlo, avvicinandosi a -2 (19-21) con il muro della Bartolini, che però non sfonda da posto 4; sul 23-19 rientra quindi la Cornelli. Sigilli finali di Diana Marc, il primo al termine di un’azione prolungata e parziale di 25-19, con il quale le locali vanno sul 2-0.

Equilibrio sostanziale nel terzo set fin dall’inizio, con le due squadre che mettono alternativamente il naso avanti. Sul 7 pari, la Barbolini trova con l’ausilio del nastro l’unico ace di San Giustino nell’arco dell’intera partita e quando la Marc spedisce fuori la parallela sembra che l’ago della bilancia possa orientarsi in favore del team di Camiolo, che conduce per 11-8. Montale torna in parità (13-13) e allora uno slash della Barbolini riporta a +2 (15-13) la Sia Coperture, che continua a battere sistematicamente sul libero Balzani, oramai pronta a ricevere tutti i palloni. Nel momento decisivo, la pedina in più per Montale diventa Chiara Ferretti, che comincia a buttar giù punti pesanti, seppure di tanto in tanto incappi anche in qualche errore. San Giustino è poco reattivo e il time-out di Camiolo è una strigliata per le giocatrici, che sul 22-24 rinviano il verdetto con la Lisandri prima e la Cornelli poi. Ma finisce qui: un preciso tocco della Marc e un “mani fuori” della Del Romano pongono fine alla contesa con un altro 26-24. Situazione di classifica invariata per la Sia Coperture: sempre +8 sulla zona retrocessione, anche se c’è ora il San Michele Firenze a far compagnia alla Montesport Montespertoli.

“Ci vuole esperienza e quando non la metti in pratica succede che perdi partite come questa”. È il commento di Pietro Camiolo, coach della Sia Coperture San Giustino, che aggiunge: “Avevamo recuperato molto bene lo svantaggio alla fine del primo set, che potevamo fare nostro. Lo avessimo vinto – chi lo sa! – adesso staremmo qui a commentare magari un’altra gara. Abbiamo commesso errori anche grossolani e in certi frangenti sono tornate a galla quelle problematiche di ordine tecnico e fisico sulle quali lavoreremo nelle due settimane che ci separano dalla ripresa del campionato”.

 

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*