Zambelli Orvieto non cede alla malasorte, Silvia Bussoli affila le armi

Zambelli Orvieto non cede alla malasorte, Silvia Bussoli affila le armi Cinque giornate e cinque vittorie, la Zambelli Orvieto ha cominciato il campionato come meglio non poteva augurarsi, non molti avrebbero scommesso sulla sua imbattibilità giunti a questo punto della stagione.

La sfortuna però continua a perseguitare le tigri gialloverdi che domenica, pur espugnando il campo di Pinerolo, hanno registrato l’ennesimo infortunio, stavolta è stata la caviglia dell’opposta Clara Decortes a subire le conseguenze di una pessima ricaduta da un salto. Nessun dramma per il punto lasciato per strada dopo il successo al tie-break, le rupestri guardano avanti con serenità, il secondo posto nel proprio girone di serie A2 femminile ha un grande valore, anche perché la capolista Mondovì deve ancora riposare.

Un percorso senza macchie ma ricco di ostacoli che aumentano gli stimoli allo staff tecnico chiamato a portare avanti il lavoro quotidiano per compensare al meglio le assenze che si susseguono in vista dei difficili impegni futuri.

Il momento vissuto della squadra è descritto da Silvia Bussoli: «L’inizio della stagione è sicuramente molto positivo, cinque vittorie su altrettanti impegni non sono male. L’importante è fare punti in questo momento per poter accedere alla seconda fase ed entrare nel lotto delle pretendenti ai play-off. A Pinerolo mi è piaciuto molto l’atteggiamento, abbiamo avuto vari momenti di difficoltà ma alla fine, nonostante l’infortunio di Decortes, la squadra è venuta fuori, tutte hanno dato il proprio contributo. Sono la prima a dire che in allenamento c’è sempre qualcosa da migliorare, bisogna puntare l’asticella ogni volta più in alto, d’altra parte il nostro gruppo è giovane ed ha ampi margini di crescita».

La giocatrice di origine emiliana sa che ancora è lunga la strada da percorrere e che con molta probabilità per terminare il girone d’andata della stagione regolare bisognerà vedersela con le formazioni migliori ma la fiducia non le manca.

«Dando uno sguardo al calendario c’è da dire che mancano da disputare tre gare con squadre importanti, che sono in alto nella classifica, partite che dovremo giocare al massimo ma si può dire che la Zambelli abbia comunque qualcosa da dire in questo campionato».

Voltare subito pagina è indispensabile, le orvietane sono attese dalla seconda trasferta consecutiva e domenica si recheranno a Caserta, la schiacciatrice che compirà venticinque anni fra poche settimane inquadra il match.

«La prossima partita non sarà facile, Caserta ha iniziato così così ma sta affrontando bene questa ultima parte, bisognerà tenere alta l’attenzione perché si tratta di una squadra molto più esperta di noi, era partita come favorita e rimane una delle meglio attrezzate, ad ogni modo credo che possiamo essere competitive con loro. Nell’amichevole fatta durante il periodo di preparazione si è visto il potenziale che hanno, è chiaro che domenica si affronteranno due squadre diverse ma sono convinta che ce la giocheremo».

(foto Maurizio Lollini)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*